Avvisare di contenuto non adeguato

Lo zaino idrico, una base essenziale

 TAGS:Gli zaini idrici sono i migliori amici di tutti coloro che praticano lo running e la bicicletta. Quelle lunghe ore di allenamento, mentre pratichiamo il nostro sport preferito, potrebbero essere molto meno estenuanti se ci si potesse idratare più frequentemente. Lo zaino idrico risulta essere quindi un elemento con un impatto estremamente positivo sul nostro rendimento, in quanto ci permette di impegnarci al massimo nell'esercizio senza perdere la dovuta concentrazione.

Gli zaini idrici dispongono al loro interno di un sistema di immagazzinamento dell'acqua, con un tubo di plastica che permette di dosarne l'aspirazione durante l'attività sportiva. C'è anche ci preferiscono sostituire l'acqua con delle bevande isotoniche, sta a voi la scelta.

Come sempre, quando si deciderà di acquistarne uno, la scelta avverrà non solo per marca e per prezzo, ma anche per capacità. Da notare che a una maggiore capacità, corrisponderà un maggior peso da portarsi dietro.

E' questo, infatti, uno degli inconvenienti da tenere in conto, nel momento in cui si decide di acquistare uno zaino idrico. Nonostante i suoi vantaggi, rimane sempre e comunque un elemento esterno che, oltre a costituire un peso maggiore, si fa sentire ancora di più quando si passa attraverso terreni più scoscesi; ma i problemi non finiscono qui...

Molti criticano questo complemento sportivo soprattutto per il calore che esso genera sulla schiena che si traduce, dopo poche ore di allenamento, in una produzione eccessiva di sudore. Uno svantaggio che non tutti sono disposti a sopportare, e che deve essere preso in seria considerazione al momento di scegliere un determinato zaino. E' anche vero che non sono tutti uguali e che, da questo punto di vista, ci sono marche che riducono maggiormente i fastidi rispetto ad altre, grazie ai tessuti e alle tecnologie che sono stati impiegati nella sua fabbricazione.

Oltre a questo tema, c'è da tenere in considerazione anche quello delle fasce. Nella corsa, più che nel ciclismo, è evidente che non è la stessa cosa allenarsi con o senza uno zaino attaccato alla schiena. Le fasce, infatti, a volte possono risultare fastidiose e, in alcuni casi, causare persino piccoli graffi.

Tuttavia, nonostante questi inconvenienti, che in alcuni casi sono prevalentemente aneddotici, i benefici di allenarsi con uno zaino idrico sulle spalle sono di gran lunga maggiori rispetto ai suoi svantaggi.

Prevenire il rischio di un colpo di calore, potersi rinfrescare in qualsiasi momento lo desideriamo, avere la possibilità di percorrere itinerari molto più lunghi e lontani, sono alcuni dei punti di forza di questi zaini, che ci aiutano a mantenere i livelli di idratazione e di sali minerali adeguati, durante i nostri allenamenti.

 TAGS:Camelbak unbottle 70 OZCamelbak unbottle 70 OZ

Camelbak unbottle 70 OZ

 

 

 TAGS:Camelbak antidote reservoir 2LCamelbak antidote reservoir 2L

Camelbak antidote reservoir 2L

Lascia il tuo commento Lo zaino idrico, una base essenziale

Identificati su OboLog, o crea il tuo blog gratis se ancora non sei registrato."

User avatar Your name