Avvisare di contenuto non adeguato

Come curare le vesciche

 TAGS:Ti stai allenando ormai da tempo, possiamo dire che la tua preparazione è impeccabile. Hai seguito alla lettera le istruzioni del tuo preparatore o allenatore e sei ormai pronto per la gara. Non ti è sfuggito nessun dettaglio, ed hai persino acquistato un paio di scarpette da corsa nuove per provarle proprio nel fatidico "giorno della ga"... Errore!

Proprio il giorno della tua prima gara importante, inizi a correre e dopo pochi minuti cominci ad avvertire un piccolo fastidio in qualche parte dei piedi. Il tallone, il mignolo, la pianta... non gli dai troppa importanza e continui. Ben presto il fastidio diventa dolore, tanto che il tuo modo di correre comincia a cambiare e ad influire sulla tua prestazione.

Tanta fatica per niente, si finisce per avere delle vesciche brutte e dolorose che impediscono di migliorare la tua resa sportiva e soprattutto di allenarti nei giorni successivi. Cosa possiamo fare per prevenirne la comparsa? Una volta che appaiono, come alleviarle e curarle? Ecco alcuni piccoli suggerimenti che possono aiutarti a ridurre al minimo gli effetti delle bolle.

Meglio prevenire

La prevenzione è il primo passo per evitare che vesciche e arrossamenti ci amareggino la vita, e ci sono alcune cose che conviene tenere in considerazione perché ci saranno davvero molto utili:

La scarpa da corsa

Un tipo di scarpa non adatta alla nostra attività, vuoi perché crediamo che già si sia adattata ai nostri piedi con l'uso, vuoi che sia eccessivamente dura perché troppo nuova, può causare degli attriti in diverse parti del nostro piede che finiscono per trasformarsi in vesciche. La cosa migliore, secondo la nostra esperienza nel campo della formazione, è quella di usare le scarpe che crediamo si adattino meglio al nostro piede per una gara. Se sono nuove, si devono calzare anche nei giorni precedenti. La crema idratante, messa all'interno della scarpa, risulta essere un'ottima soluzione per ammorbidire la pelle (o il cuio) e renderla più flessibile.

I calzini

Una buona traspirabilità e adattabilità ai nostri piedi aiuta ad evitare gli arrossamenti. In primo luogo, la traspirazione impedisce un eccesso di calore, che si ottiene grazie all'uso di tessuti tecnici e/o fibre naturali. Il secondo aspetto evita la formazione di pieghe e di punti di frizione nel tessuto. In generale, tieni presente che acquistare attrezzature sportive adatte alla nostra pelle e alle nostre esigenze, sarà fondamentale per evitare problemi di questo tipo.

Idratazione

La pelle secca è più facile che si screpoli a causa dell'attrito. Pertanto, ci conviene prenderci cura dei nostri piedi, con una corretta igiene ed utilizzando una crema idratante. Per le competizioni o l'allenamento la vaselina, collocata sui punti strategici del piede, può essere davvero di ottimo aiuto.

Rimedi per le vesciche

Ci sono innumerevoli metodi fatti in casa, principalmente per alleviare il dolore o come antisettico tradizionale, a base di erbe medicinali o giù di lì, o persino soluzioni esotiche e poco raccomandabili, per cui la cosa migliore è seguire i passaggi elencati qui di seguito, per eliminare il problema senza rischiare infezioni.

Una volta formatesi le vesciche, la cosa più importante è quella di estrarre il liquido che contengono bucandole con un ago (precedentemente sterilizzato) ma cercando di evitare di strappare la pelle adiacente per evitare infezioni che, in luoghi particolari come i piedi, possono diventare davvero problematiche. Dopo di che, lavare e disinfettare la zona con un antisettico e coprire con un cerotto che permette la traspirazione della zona (evitare quelli di plastica). Ripetere la medicazione per un paio di giorni fino a quando vediamo che la pelle ha riacquistato la sua normale consistenza e, nel caso continuiamo gli allenamenti o le gare, coprire la zona interessata con degli appositi patch.

Lascia il tuo commento Come curare le vesciche

Identificati su OboLog, o crea il tuo blog gratis se ancora non sei registrato."

User avatar Your name